Tag Archives: Belen

Libri e slip

imageMio marito è in Inghilterra. “Visto che sei lì,” gli ho detto, “prova un po’ a cercarmi la biografia di Canetti scritta da Sven Hanuschek: è stata originariamente scritta in tedesco ma non è ancora stata tradotta in italiano. Magari la trovi in Inghilterra!”

Tentativo con la libreria dell’aereoporto: nessuna commessa conosce Elias Canetti. Pazienza se non conoscevano Hanuschek, ma Canetti è un premio Nobel… è morto in Inghilterra… se non mi sbaglio, sua figlia vive ancora là…

Non per aggiungermi alle già tante polemiche sulla difficoltà di trovare lavoro ma, visto che il problema mi si è presentato anche in Italia, propongo un test di entrata per l’assunzione nelle librerie. Perché non è ammissibile che una commessa di libreria sappia come si chiama il tipo di slip indossato da Belen al festival di Sanremo e non sappia chi sia Canetti (tra l’altro, l’avrò letto dieci volte il nome di quel tipo di slip e ancora non me lo ricordo… cercasi Smemorina).

Appena laureata, ho risposto a un annuncio di lavoro per una casa editrice che cercava venditori di enciclopedie. Non era proprio il mio sogno quello di bussare alle porte delle casalinghe con lo straccio in mano per proporre 50 volumi a 50000 euro pagabili a rate, ma si sa, i disoccupati, soprattutto quelli laureati, ne fanno di queste stranezze. Il signore che mi ha tenuto a colloquio è stato molto cordiale ma fermo: “La casa editrice ha pubblicato l’annuncio a mia insaputa. Io sono contrario a questo modo di cercare dipendenti. Chi si assume la responsabilità di presentare un’enciclopedia deve essere sicuro di conoscere almeno la metà dei termini offerti dal prodotto che sta vendendo”. Tanto di cappello. Ovviamente non ho preso il posto, ma se mi avessero assunto (ovviamente a tempo determinato), sarebbe stato peggio: per la mia autostima e per le povere casalinghe con lo straccio in mano, che tra venditori di scope e di pannelli solari, non riescono mai a portare a termine le pulizie di casa.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

San Remo? Sveglia!!

Non avendo la TV, non ho seguito niente del festival della c.d. musica italiana. E sottolineo il “c.d.” perchè ormai è una trasmissione incentrata sulle polemiche, non sulla musica.
Proprio perché non ho il televisore, vi dico cosa traspare della trasmissione, ascoltando i commenti dei colleghi e degli amici: si parla di Celentano che se l’è presa con l’Avvenire e con Famiglia Cristiana. Oppure si parla della farfalla (?) di Belen. Se non chiedo chi sono i cantanti in gara, nessuno me lo dice, perché sono rimasti sullo sfondo.
Italianiiiii: svegliaaaaa!
Ma non vi accorgete che non ha senso mandare una bomba ad orologeria come Celentano in una trasmissione del genere se non si è disposti a rischiare il lancio dei pomodori? Perché per lanciare pomodori, bisogna essere presenti. E infatti mi pare che gli ascolti si siano moltiplicati non solo su Celentano durante il festival, ma anche e soprattutto sulla miriade di trasmissioni accessorie che parlavano dello “scandalo”.
Ommioddio, siamo tutti scioccati! O mamma mia che vergogna! Commissariamo, commissariamo!
Così si esprimono ideatori e autori del programma, adesso. Perché, non lo sapevano come andavano le cose con Celentano?
E tutti gli italiani, giù a sviscerare pro e contro il personaggio. Signori, il problema non è Celentano, nè la farfalla (?) di Belen. Il problema è una trasmissione che non ha più motivo di esistere. Altro che Avvenire e Famiglia Cristiana.

1 Comment

Filed under Libri & C.