Category Archives: scrittori irlandesi

Tante piccole sedie rosse, Edna O’Brien @EinaudiEditore

Cosa dire? Spiazzante.

Sia nella storia che nel modo in cui è scritta.

Andiamo per ordine.

La storia si articola in tre parti.

Nella prima, facciamo conoscenza con questo misterioso e affascinante straniero che arriva in un paesino irlandese. Lavora come guaritore e sessuologo. Fidelma, la più bella e sola del paese, si innamora di lui e gli chiede un figlio, visto che lo ha sempre desiderato ma dal marito non è mai riuscita ad averne uno. Poi Vlad viene arrestato perché si scopre che era un criminale della guerra Jugoslava. Fidelma viene prelevata da casa da tre uomini, ex amici di Vlad, che la fanno abortire senza tanti fronzoli.

Nella seconda parte, Fidelma se ne è andata da casa e inizia a vivere a Londra in mezzo agli immigrati.

Nella terza parte, Fidelma va all’Aja a incontrare Vlad, ora recluso. Non dirò come va il loro incontro, né come finisce la storia.

Già la storia di questa donna è conturbante: pensate, desiderare tanto un figlio, restare in cinta e scoprire che il padre ha ammazzato e fatto ammazzare donne, vecchi e bambini, e poi venir quasi maciullata da tre sconosciuti. Non c’è da ridere.

Ma anche il modo in cui è raccontata la storia è fatto apposta per creare un senso di estraneità, per spiazzarti.

Una delle tecniche che usa, è cambiare il tempo verbale all’interno dello stesso paragrafo, dal presente al passato e viceversa. Poi ci sono tante voci diverse, ognuna che parla col suo timbro, e molte sono straniere, con le proprie sgrammaticature. È quasi un romanzo corale, ma con voci diversissime tra loro, e sebbene non partecipino tutte a raccontare la stessa storia, sono tutte legate da un filo rosso di violenza. E poi, ci sono le citazioni, dalla canzonetta pop a Shakesperare.

Insomma, un romanzo che tiene alta l’attenzione facendola andare di qua e di là come vuole lui.

Mi sono accorta di quanto sia brava l’autrice quando ho visto come ha caratterizzato Vlad: ce lo ha fatto conoscere con gli occhi della cittadina di Cloonoila, incuriosendoci quando si incuriosivano i suoi abitanti, ma anche spaventandoci e ammaliandoci come capitava a loro. Poi lo shock della scoperta è quasi subitaneo, sebbene, prima, l’autrice avesse già sparso degli indizi sulla versa personalità di questo straniero.

Merita di esser letto. Ti fa capire come sia difficile capire le persone.

Leave a comment

Filed under Libri & C., scrittori irlandesi

The Sandcastle – Iris Murdoch

image

As far as I could find out, this novel has not been published in Italian. And I wonder wich kind of copyright reasons prevented it to be published in the USA too… maybe because the author was a friend of Sartre? It seems that all of her books have not been published in the USA. Very odd…

Anyway, let me say that this writer was a great surprise to me!

It doesn’t happen so much in this novel that takes place at the end of the  Fifties: the main carachter is a middle-aged school master (I think between 40 and 50) falls in love with a young artist and all his life is endangered, his marriage, his two children, his political future… At the end the young painter goes away and Mor, remains with his family and embrace the candidature as a member of the Parliament.

Iris Murdoch was so great in depicting the feelings and the faults of this man! It is not easy to take the part of a member of opposite sex, for a writer. She show us how Mor is just a man, who is not able to face the conformity of his environment, and she describe it very well in few lines here, when the lover is going away and he doesn’t manage to follow her because he is surrounded by his colleagues and friends:

(…) although Mor struggled in his seat he could not bring himself to get up. A lifetime of conformity was too much for him.

A counter-hero, at the end, who is incapable of telling his wife his reasons, a man who postpones explanations and who prefers to talk about silly issues to avoid more important and deep discussions.

He hardly takes a decision to go with his lover, and he immediately feels light-hearted, but this is just a sandcastle, because he is not able to go on accepting the consequences of this decision.

A very immature man, therefore. But we all have a bit of him in ourselves. This is why I suggest to read this book.

 

2 Comments

Filed under book, Libri & C., scrittori irlandesi