Il sorcio (Georges Simenon)

Il Sorcio è un vecchio barbone che conosce i quartieri più lussuosi di Parigi, dove riesce a racimolare quanto gli basta per vivere. I poliziotti lo lasciano dormire in prigione, e, sotto sotto, quel vecchio un po’ pagliaccio e impiccione li diverte e ci sono affezionati.

Il Sorcio però ha un sogno: comprare un piccolo appezzamento nel suo luogo di origine e ritirarsi a vivere in pace gli ultimi anni. Questo sogno sembra potersi avverare quando una sera, avvicinandosi a una macchina in sosta, si accorge che il conducente è morto e che il suo portafogli è zeppo di soldi.

Detto fatto, si prende il denaro e si inventa una storia da sottoporre ai poliziotti per far sì che, dopo un anno e un giorno, quel malloppo diventi suo e gli permetta di acquistare la casetta dei suoi sogni.

Solo che non si è accorto di essersi messo nei guai.

In questo breve romanzo non c’è Maigret, ma solo il suo collega Lognon, e poi tutta una schiera di personaggi della polizia e dell’alta società internazionale.

Dopo aver letto “La camera azzurra”, le mie aspettative erano alte, ma mi son trovata difronte a un giallo con risvolti comici.

A molti può piacere.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.