12 regole per la vita (Jordan B. Peterson)

Peterson è uno psicologo clinico e accademico (insegna ad Harvard e all’università di Toronto).

Le dodici regole che costituiscono un antidoto al caos sono queste:

  • Stai dritto con la schiena
  • tratta te stesso come se fossi una persona che devi aiutare
  • cercati amici che vogliono il meglio per te
  • confronta te stesso con il te stesso di ieri, non con qualcun altro di oggi
  • non lasciare che i tuoi figli si comportino in un modo che non ti piace
  • metti in ordine casa tua prima di criticare il mondo
  • persegui ciò che ha un valore, non gli espedienti
  • di’ la verità (o almeno non dire bugie)
  • presumi che la persona che stai ascoltando possa conoscere qualcosa che tu non sai
  • sii preciso quando parli
  • non rompere le scatole ai bambini che giocano con lo skateboard
  • coccola un gatto quando ne incontri uno per strada

Sebbene alcuni punti sembrino semplicistici o fuori-tema, in realtà Jordan affronta ogni argomento con solide basi scientifiche e psicologiche. Può dar l’impressione di prendere i discorsi da lontano (ad esempio parte con le aragoste per spiegarti come il corpo influenzi la psiche e viceversa), ma arriva sempre al punto.

Uno dei temi principali del libro, e che è trasversale un po’ a tutte le regole, è la comunicazione, l’ascolto e la capacità di esprimersi.

Le parole (il logos, il verbo, chiamatele come volete) sono uno strumento necessario per mettere ordine dentro e fuori di noi: se non si riesce a dare un nome a certi stati d’animo, se non si riesce a verbalizzarli, difficilmente si può capire come affrontarli, e i problemi si accumulano nel tempo, fino a diventare cronici.

L’esistente è caos. La vita è sofferenza, non si sfugge. Eppure abbiamo la capacità di mettere ordine. Certo, non è facile e richiede un impegno costante: ogni cosa VIVA ha bisogno di attenzione, altrimenti muore (i rapporti in prima linea).

Lui stesso ha provato sulla propria pelle cosa significa soffrire quando è stata scoperta la malattia degenerativa della figlia di pochi anni. Peterson ci racconta questo, e ci racconta (cambiando i nomi) alcune esperienze dei suoi pazienti.

Le sue analisi si servono di vari strumenti: dalla biologia all’etologia alla religione. Per quanto non si debba essere troppo succubi della cultura imperante, ammette che le esperienze del passato hanno aiutato i nostri predecessori a superare dei brutti momenti, e se le conosciamo, se le capiamo, queste analisi possono essere utili anche a noi.

Consigliatissimo ai genitori il capitolo in cui spiega come comportarsi con i figli, e, soprattutto, perché.

Un bel saggio, scritto in uno stile divulgativo ma mai superficiale.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.