Cosa legge un premio Campiello

Sì, lo so, sono fissata, ma quando vado a un incontro con l’autore chiedo sempre cosa gli piace leggere.

L’ho fatto anche ieri sera con Malaguti, che ha ammesso che il suo gusto letterario si è formato a casa, usufruendo della biblioteca del padre (fortunello!), e che dunque ha una predilezione per i classici.

Si è autoaccusato di essere anche un po’ conservatore e di leggere pochi autori contemporanei: gli piacciono molto Bacchelli, Rigoni Stern (sembra si legga almeno una volta all’anno Storia di Toenle), Meneghello, Guareschi… Forse solo i romanzi storici di Wu Ming facevano eccezione a questa regola.

Ha però ammesso che la partecipazione al Campiello ha ampliato un po’ i suoi orizzonti.

E’ per esempio rimasto piacevolmente sorpreso dalla scrittura di Bajani ed è stato scioccato da Paolo Nori e dal suo uso della punteggiatura che a lui, insegnante di lettere in un liceo, ha lasciato quasi dei lividi negli occhi.

Anche Malaguti dunque conferma la mia teoria che gli scrittori bravi hanno avuto a disposizione fin da giovani un buon numero di libri in famiglia.

Io avevo al massimo una collana di libri rosa, Liala e Delly.

Non ho speranze…

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.