Viaggio di nozze a Teheran (Azadeh Moaveni)

wp-1585922829719[1]A differenza di quanto scritto in copertina, questo non è un romanzo ma un memoir, una storia vera. Azadeh Moaveni è una giornalista. Abitava in California con i genitori immigrati dopo la caduta dello Scià, ma nel 2005 torna in Iran per seguire da vicino le elezioni.Appena arrivata, si accorge dell’indifferenza dei giovani e anche dei meno giovani verso la politica: a che serve andare a votare se le cose non cambiano mai? Se ci sono sempre difficoltà a pagare vitto e alloggio, indipendentemente da chi va al potere?Fatto sta, che quando viene eletto Ahmadinejad, tutti cadono dalle nuvole: era l’oscuro e conservatore sindaco di Teheran, senza un vero background politico, un nome che quasi nessuno nominava quando azzardava una previsione sulle elezioni.La descrizione della situazione politica iraniana, nel libro si alterna alle vicende personali dell’autrice: la Moaveni si innamora e resta incinta. E’ il panico: nonostante sia lei che lui vengano da famiglie moderne, non si può avere un figlio senza essere sposate.Così decidono di sposarsi: e qui l’autrice si trova davanti alla burocrazia e alla corruzione iraniana.Per sposarsi le serve l’autorizzazione del padre, che però vive negli Stati Uniti e non vuole tornare. Potrebbe fare una procura a un fratello che vive in Iran, ma per sposare la figlia, la procura deve essere specifica, e non può fare la procura e non ha la nuova carta d’identità.Insomma, dopo varie vicissitudini riescono a sposarsi ma i guai non finiscono, anzi…

A tratti lento, dà comunque l’idea delle difficoltà quotidiane in un regime autoritario.

5 Comments

Filed under Libri & C.

5 responses to “Viaggio di nozze a Teheran (Azadeh Moaveni)

  1. Alessandro Gianesini

    Sbaglio o manca un pezzo di articolo?

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.