Port Mungo – Patrick McGrath

Gin Rathbone ci racconta la storia di suo fratello Jack, grande ma sconosciuto pittore, e di sua moglie Vera Savage, artista scombinata, alcolizzata, fedifraga e madre snaturata.

O no?

Ci racconta anche la storia della morte di Peg, la figlia di Jack, e di come la sorella superstite vada alla ricerca della madre, che, ancora una volta, se ne è andata di casa per seguire i suoi amanti e la sua arte disossata.

O no?

In realtà, Gin Rathbone è una di noi: quello che davvero ci racconta è quanto poco si possa conoscere delle persone, soprattutto se sono persone a noi molto care. Ci racconta di quanto mentiamo a noi stessi e di come leggiamo gli indizi in funzione di quello che pensiamo possa essere vero.

Forse, rispetto ad altri libri di McGrath, questo è meno appassionante dal punto di vista commerciale: non ci sono “grandi” misteri da scoprire, solo dei “segreti” familiari, dei non-detti importanti.

Non è un thriller psicologico. E’ un romanzo più psicologico che thriller, ma proprio per questo è più vicino alla vita di ognuno di noi.

Ci lamentiamo che gli altri ci dicano bugie: ma quante ne diciamo, noi, a noi stessi?

E poi mi è piaciuta l’ambientazione nei Caraibi (ancora) poco conosciuti di qualche anno fa, dove a saltare all’occhio erano la miseria e la sporcizia, e non gli alberghi e le spiagge dorate (anche se, devo dire, che il trasferimento di Jack a Port Mungo non è fortemente giustificato, a mio parere).

Punteggio: 3,5 su 5.

Leave a comment

Filed under Arte, book, Libri & C., scrittori inglesi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.