The obesity code – Jason Fung

La tesi del dott. Fung, nefrologo specializzato nel trattamento di diabetici, è che l’obesità sia una disfunzione ormonale e che non abbia niente a che fare con le calorie.

Non è vero che mangiare a dismisura porti sempre all’obesità, e non è vero che la riduzione calorica nel lungo periodo mantenga il peso basso, come possono confermare tutti quelli che si sono messi a dieta, hanno perso subito peso e, dopo un paio di anni, lo hanno riacquistato con gli interessi, indipendentemente dalla dieta seguita.

E allora da cosa dipende? Di sicuro non aiuta che tutte o quasi le ricerche sulle diete effettuate sull’uomo sono di breve periodo: l’obesità è una disfunzione di lungo periodo, e come tale va trattata.

Secondo Fung, l’obesità dipende da un alto livello di insulina nel sangue. L’insulina è un ormone che possiamo definire dello “stoccaggio”: serve a far entrare il glucosio nelle cellule per produrre energia tramite i mitocondri, ma, se c’è troppo zucchero nel sangue, è necessario immagazzinarlo. Nel fegato, nei muscoli, trasformandolo in grasso.

Nelle persone obese, il livello di insulina non si abbassa mai e il peso, diciamo così, si assesta verso l’alto. Ergo, se perdi temporaneamente peso con una dieta, prima o poi, se non cambi i livelli di glucosio/insulina, ritorni al peso iniziale.

La soluzione, dice Fung, è ridurre l’insulina.

Un metodo è quello di mangiare meno carboidrati.

I carboidrati sono il diavolo, dunque?

Ecco, qui, leggendo il libro, mi sono accorta di come certe teorie scientifiche vengano volgarizzate e semplificate una volta immesse nel… mercato.

L’ondata dei fans della dieta chetogenica mettono al bando tutti i carboidrati: addirittura, tacciano di malignità anche i legumi, che, notoriamente, sono il cibo principe in tutte le blue zones (le zone al mondo col maggior numero di centenari e con la più bassa incidenza di malattie “occidentali”).

Il dottor Fung è molto più selettivo: quello che dobbiamo evitare, dice, sono i carboidrati RAFFINATI. Più si mangia naturale, e più si rispetta il nostro metabolismo. La margarina, ad esempio, non è un cibo “vero”, come non lo sono i panini di farina bianca. Lo sono invece l’aceto e le arachidi, che abbassano la glicemia.

Non solo: i fans della dieta chetogenica ingurgitano frullati e sbeveroni di proteine dalla mattina alla sera. Il dottor Fung non approva: se si guardano alle ricerche (quelle serie) si nota che un alto livello di proteine animali (soprattutto da latte e latticini) provocano comunque un aumento dell’insulina, cosa che non succede con le proteine animali. Non semplifichiamo troppo, dunque.

Ecco un elenco di consigli per ridurre la glicemia:

  • non assumere zuccheri aggiunti (zucchero nel caffè, agave, dolci ecc…)
  • leggere le etichette e stare attenti agli zuccheri aggiunti
  • come dessert, si può mangiare frutta di stagione, noci, formaggio o cioccolato min. 70%
  • non fare spuntini!! Assestano la glicemia al livello più alto fino al pasto successivo
  • tenere la colazione come opzione, farla solo se si ha fame. Se non si ha fame, non mangiare. Se si ha fame, l’avena, un yogurt greco o delle uova vanno bene
  • eliminare al 100% le bibite zuccherate, anche quelle ipocaloriche
  • tenere le proteine al massimo al 20-30% del totale delle calorie assunte
  • aumentare l’assunzione dei grassi naturali, es. olio EVO, burro, frutta secca, formaggi gassi, avocado
  • assumere fibre, molte, nella loro forma naturale. La verdure a pasto non devono mai mancare.

Ma il metodo più efficace per ridurre l’insulina è IL DIGIUNO.

Di digiuno intermittente ormai parlano tutti, qui aggiungo solo che è necessario per abbassare le scorte di zuccheri immagazzinate nel corpo: la dieta chetogenica (a basso contenuto di carboidrati) serve ad abbassare il livello di glucosio nel sangue, ma gli zuccheri immagazzinati non riescono mai a venire utilizzati se si continua comunque a mangiare…

E’ necessario ritrasformare i grassi di deposito in carburante, e questo si può fare solo se… non si mangia.

Non mi dilungo oltre ma la parte finale del libro, quella relativa al digiuno, è quella – per me – più interessante.

Mi lascia un po’ perplessa il fatto che Fung richiami spesso ricerche scientifiche a lunga durata che utilizzano anche molto medici/divulgatori vegani per sostenere le loro tesi (che ribadiscono la necessità di nutrirsi di carboidrati, vegetali, ma comunque carboidrati, patate in primis). Credo che le stesse ricerche possano essere interpretate in modi diversi.

Un’unica cosa resta chiara e comune a tutte le correnti salutistiche: il cibo industriale ci sta indebolendo e uccidendo.

PS: un commento fuori tema. Perché ricorriamo così spesso al cibo industriale? Certo, i gusti sono studiati per farci mangiare di più, e tutte le pubblicità ci spingono a mangiare di più, ma io ho un’ulteriore teoria. Ricorriamo così spesso al cibo industriale perché le donne sono costrette a lavorare… l’epidemia di obesità è iniziata quando le donne hanno iniziato ad andare a lavorare fuori casa in massa. Correlazione e non causa-effetto? Chissà… la mia teoria non è mai stata oggetto di nessuno studio.

1 Comment

Filed under alimentazione, automiglioramento, Libri & C., purposes, Saggi, Scrittori americani

One response to “The obesity code – Jason Fung

  1. Luca

    interessanti… il libro e la tua teoria. 🙂 Buona serata! 😉

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.