Infanzia sul Baltico, Theodor Fontane

Tradotta per la prima volta in italiano, ecco l’autobiografia di un autore molto famoso nella Mittleuropa dell’Ottocento.

Fontane discende da una famiglia di Ugonotti che si stabilisce sul Baltico (Swinemuende, che, dal 1945, è polacca, col nome di Swinoujscie). Il padre di Theodor è farmacista, ma è uno spendaccione, quasi sempre al verde. Arriva a dover vendere la farmacia per pagare i debitori (suo padre in primis), ed è questo il motivo per cui si trasferiscono a Swinemuende: perché dopo un periodo di inattività, nel quale vive grazie ai proventi della vendita, è giunto il momento di rimettersi a fare qualcosa.

Il padre di Theodor è il personaggio meglio descritto: ne risaltano il suo ottimismo, ma anche i suoi lati deboli; il gioco, in primo luogo, e poi l’incapacità di capire e farsi capire dalla moglie, pur amatissima.

Non succede un granché, ma i libro è un quadro nitido e sereno di un’infanzia, di personaggi quasi mitici e di un’epoca.

Le storie ambientate nell’Ottocento sono passate di moda? Non dovrebbero: i moti umani sono sempre gli stessi.

4 Comments

Filed under Libri & C.

4 responses to “Infanzia sul Baltico, Theodor Fontane

  1. Non conosco il libro, ma mi sembra molto piacevole. E sono d’accordo con te sul fatto che le emozioni non passano mai di moda. Non per neinete io adoro Jane Austen! 🙂

    Liked by 1 person

  2. Sono totalmente d’accordo con la tua chiusa! 🙂

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.