Correre. Al femminile (Alexandra Heminsley)


Non aspettatevi tabelle di allenamento o regimi dietetici per aumentare l’efficacia della corsa: questa è una biografia incentrata sulla corsa, non un manuale.
Alcuni aspetti interessanti:

– In dodici minuti (12), l’autrice, che dall’adolescenza si è sempre considerata una couch potato (poltrona), decide di iscriversi alla maratona di Londra. E quando la corre, arriva alla fine.

– Le tare mentali che si mette in testa per l’acquisto del suo primo paio di scarpe sono prettamente femminili (io non ce le ho, dunque sono un maschio). Lo stesso dicasi per il capitoletto sui cosmetici: smalti scelti ad arte, fondotinta che non si sciolgono col sudore, legacci per capelli & co.

– L’importanza dell’appoggio di amici, parenti e club vari. Per chi ce l’ha.

– Non conoscevo la storia delle prime donne “di corsa”. Negli anni Sessanta, la prima in assoluto, a Boston, ha dovuto correre di nascosto (e ovviamente i suoi tempi non hanno fatto testo). Insomma, anche nella corsa gli uomini ci volevano tenere dietro le tende, con la scusa, stavolta, che la corsa… faceva prolassare l’utero!

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s