Cani neri, Ian McEwan

Non succede molto in questo libro, e dopo aver letto “Espiazione”, il confronto è magro. Tuttavia, McEwan ha una scrittura così essenziale che in poche righe ti mette un personaggio davanti come se gli fossi andato addosso mentre camminavi sul marciapiede guardando da un’altra parte.

I cani neri sono quelli che June, la suocera della voce narrante, ha incontrato in una sperduta stradina di montagna in gioventù e che l’hanno costretta a rivedere tutte le sue convinzioni. C’è un continuo parallelismo tra i cani neri personali di June (o di ognuno di noi) e i “cani neri” del Novecento, impersonati dai forni crematori e dalle guerre.
Ricorre inoltre spesso la contrapposizione tra intellettualismo e emotività, tra impegno politico e meditazione solitaria, tra spirituale e materiale, e la presentazione dei dualismi ci vien passata sottobanco tramite i due personaggi, June, che si ritira in una casetta isolata nel sud della Francia, e suo marito Bernard, intellettuale e razionale.
Una coppia moderna, che vive separata eppure si vuol bene perché si completa a vicenda.

Insomma, sebbene non mi sia piaciuto come “Espiazione”, anche questo romanzo ha molto da dire.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s