Sotto la pelle, Michel Faber

Un romanzo di fantascienza molto psicologico ed ecologico: piacerebbe agli ambientalisti e ai… vegani!
Isserley è un’aliena che guida per le strade delle Highlands scozzesi in cerca di autostoppisti da portare ai suoi colleghi per scopi che si chiariscono man mano che si procede nella lettura.
Il suo aspetto originario è stato rivoluzionato dai chirurghi e lei convive con cicatrici, dolori e repulsione di se stessa al solo scopo di racimolare carne preziosa per l’élite del suo pianeta.

Tutto è rovesciato: noi umani per Isserley siamo animali, e loro, che camminano a quattro zampe, sono pelosi e hanno la coda (lei non più) sono gli umani.
Ma Isserley è piena di paure, solitudine, stanchezza e dubbi, come possiamo esserlo noi, persone spelacchiate e dall’equilibrio instabile.
Sotto la pelle siamo uguali.

Nonostante la provenienza aliena dei personaggi, predomina l’introspezione e la descrizione delle bellezze naturali, non è un romanzo d’azione pura, anche se gli umani rapiti vengono trattati come carne da macello (gli tagliano lingua e genitali, vengono fatti ingrassare, spezzettati, impacchettati e spediti).

Un po’ lento ma si arriva comunque alla fine. Da leggere.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s