La colpa, Lorenza Ghinelli

Ho comprato questo libro per due motivi: finalista al premio strega; 5,90 euro come prezzo di copertina.
Il marketing è una brutta roba: quando ti scrivono “boom di vendite” e tutte le frasette dei critici sulla copertina, ti aspetti chissà quale capolavoro.

Il libro mi è piaciuto per lo stile, perché la scrittrice dimostra fantasia verbale, è poesia in prosa: tutto da imparare, per me.
Però la storia è sfilacciata. I personaggi sono a volte riduttivi; non ci credo che la madre di Estefan non abbia neanche un ripensamento sul modo in cui tratta il figlio: e lo dico da madre. Proprio perché le è morto un figlio, non ci credo che tratti in quel modo quello che le è rimasto.
Azzardo, ma secondo me l’autrice non ha figli. Non ha provato. Ma ripeto, il mio è un azzardo, e non ho neanche voglia di verificare se la Ghinelli ha figli.

Dicevo che dalla prosa poetica io ho tutto da imparare. Però… Però…

Se per qualcuno può esser difficile tirar fuori metafore così azzardate e immaginifiche, per la Ghinelli (e per gli autori che scrivono come lei: Mazzantini, una certa Mazzucco, e altri che ora non mi vengono in mente) può esser difficile descrivere un dolore con prosa piana. Realista.
Ognuno ha le sue difficoltà.
Certo è che la Mazzantini, a me, mi ha stancato.
Il dolore puro, lo strazio, la follia, gli incubi, ad un certo punto stancano.

Ma uno scrittore deve scrivere quello che si sente di scrivere.
Quelli che mi fanno venire i nervi… sono i tipi del marketing.

5 Comments

Filed under Libri & C.

5 responses to “La colpa, Lorenza Ghinelli

  1. ma quando scrivono boom di vendite e mettono le varie fascette con scritta qualsiasi cosa ti stanno dicendo chiaro che vogliono venderti una cosa mediocre, perchè mai tu ti aspetti chissà quale capolavoro?

    Like

    • Prima devo leggere, e poi critico. Prima o poi leggerò pure Fabio Volo. E sì, lo farò.

      Like

      • però l’esperienza se serve a qualcosa dovrebbe affinare uno spirito critico a priori, se no bisognerebbe leggere davvero qualsiasi cosa, mentre io credo che si possa criticare anche cose che non si sono lette, o almeno evitarle… “come fai a dire che non ti piace se non l’hai letto” è un vecchio trucchetto che non regge

        Like

      • Spirito critico a priori? Uh, non ce l’ho a posteriori, figuriamoci a priori. Sono una pessima lettrice, pessima.

        Like

  2. mai fidarsi della troppa pubblicità. Sono come i negozi con troppe lucine, paghi il negozio, non la qualità della merce!

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s