Martin Eden: l’Eden perduto di Jack London

image

Primo romanzo che leggo di Jack London.
Vito Amoruso, nell’introduzione alla mia edizione de La Biblioteca Dell’Espresso, lo definisce (e forse ha ragione lui, che di sicuro se ne intende più di me), un romanzo ottocentesco. Vero, come spiegherò nell’articolo su Sololibri.net abbiamo una voce narrante onnisciente, i pensieri dei protagonisti te li spiega lui, non te li lascia intuire in modo frammentato da un gesto o da un dialogo – come probabilmente sono davvero frammentati i nostri pensieri, come ci insegnano la Woolf e Joyce.
Ma a me capita, ogni tanto, di copiare parti di romanzi. L’ho fatto anche con questo, ma vi ho apportato una variante: l’ho messo al presente. Via l’ottocentesco passato remoto, via i fatti cristallizzati nel dejà fait: tutto trasposto nel divenire di un tempo che stiamo osservando adesso.
Provateci: London ci descrive i pensieri dei protagonisti scavando meglio di una talpa. Si va nel profondo di qualcuno. Lo si può fare nello stesso modo se si interpreta un gesto o un discorso? Avanti: lo facciamo tutti i giorni: ci troviamo davanti a gente che muove le mani e che parla (anche troppo!) eppure mai e poi mai possiamo dire di essere scesi dentro quella persona.
Magari è un’illusione. Magari i pensieri di Martin Eden o di Ruth Morse non sarebbero così lineari se appartenessero a una persona reale. Ma, forza, per una volta, illudiamoci pure di conoscere qualcuno, anche se questo qualcuno è fatto di carta!

Ultima nota.
La modernità di London: l’avversione per la borghesia. Borghesia: una parola che troviamo solo nelle opere dell’Ottocento. E sia! Ma sostituitela con un’altra parola: conformismo.
E tutto diventerà contemporaneo. E davanti a voi non ci saranno più i lunghi e ampi gonnelloni della borghese Ruth Morse, ma i pantaloni stracciati e firmati che girano tra gli scaffali dei nostri supermercati, gli IPad, le auto di lusso. Che magari non ci possiamo permettere, ma che occupano comunque i nostri sogni, che rappresentano il nostro ideale di vita. Esattamente come Ruth sognava un maritino ben vestito, che tornasse a casa dall’ufficio alla sera.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s