La tigre sull’argine


Stanotte sull’argine c’era una tigre.
I suoi occhi fluorescenti bucavano il buio, gli facevano male, sentivo l’oscurità lamentarsi delle ferite. Camminava con le anche che andavano su e giù, senza far rumore, solo un fremito delle fusa, un motore fatto di carne e parti molli; l’aria attorno ne veniva spostata a ondate, come pulsazioni che si propagavano fino al delta del fiume. Fuggiva, l’aria, dalla tigre che incedeva, padrona dell’acqua e della luna in essa sprofondata.
Ho allungato una mano per sfiorarla, e lei s’è lasciata toccare. Le mie dita si son perse nel pelo caldo: sarebbe stato bello affondarvi tutto il braccio, il busto, le gambe, sparire tra le righe gialle e nere, mutar colore strisciando da striscia a striscia in una camaleontica sopravvivenza.
Poi la luna s’è coperta, e con lei la tigre si è rivestita di notte, ha ceduto alla tenebra.
Ma la superficie del fiume è ancora increspata delle sue fusa.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s