La morte di Branwell Bronte

image“La lotta finale di Brandwell era durata solo venti minuti, ma sembrò un’eternità alla famiglia, riunita intorno a lui. non aveva maiperso conoscenza. il reverendo Bronte ebbe la gioia straziante di urdilo rispondere ‘Amen’, alle preghiere che recitava sottovoce accanto al letto, fattosi improvvisamente molto spazioso. Branwell moriva tra le braccia del padre al quale, con gesto ultimo di ritrovato affetto di figlio, si era abbandonato.
Avveniva poco dopo le nove. in pochi minuti, tutta Haworth seppe che ‘Patrick del vicario’ se n’era andato per la sua strada tortuosa. Anne, che prima di ogni altro aveva saputo la causa e la profondità della sua sofferenza, che si era sentita responsabile per lui e aveva cercato di fargli da angelo custode, aveva sperato nella pietà divina e visto che essa si era infine manifestata. La fiducia che vi fosse perdono per lui inc ielo sosteneva adesso anche lei, Charlotte e il padre. Egli riposava finalmente in pace, dopo la sua breve vita errante, dolorosa, e febbrile. in quel momento, il figlio era tornato ad essere per Patrick il ragazzetto, che gli aveva chiesto di portargli a casa i soldatini.
Branwell moriva, a trentun’anni, completamente distrutto nella mente e nel fisico, approfondendo con la sua morte improvvisa non solo il senso della scomparsa, ma anche della rovina in coloro che restavano.”

La voce della brughiera (Paola Tonussi)

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s