Sulla memoria breve degli italiani

Che noi italiani abbiamo la memoria breve, non è una novità. Ci infiammiamo per gli scandali finanziari e sessuali in un battibaleno, basta il titolo di un giornale (proprio il solo titolo: pochi leggono oltre), e le agende chiacchierologiche del nostro popolo si sintonizzano sull’argomento del giorno.
Tuttavia, non è facile rendere la smemoratezza di un intero popolo in poche battute di dialogo. Lo sanno fare solo i grandi. Sentite Sciascia, in Todo Modo: siamo all’inizio del libro e la voce narrante è appena giunta in un eremo-albergo; scambia due parole con il prete-receptionist che si legge Linus (Linus! Che scelta eccezionale, tanto più che poi si trasformerà magicamente in un libretto rilegato quando il pretino si troverà davanti a Don Gaetano).

– Lei è un giornalista?
– No. Perché?
– Se è un giornalista, perde il tuo tempo: lo scandalo c’è già stato.
– Che scandalo?
– Per l’albergo: che non si doveva fare, che è brutto… C’è già stato: tre anni fa.

Avete capito? Lo scandalo c’è già stato, non serve parlarne più, è finito, l’albergo è stato costruito, roba vecchia.
Io prendo pastiglie di ferro perché mi accorgo di dimenticarmi le visite, gli appuntamenti, il giorno in cui ritirano plastica e vetro: non ho dunque alcun diritto di parlar male della memoria degli altri italiani. Però lo faccio lo stesso: conto sul fatto che poi ve lo dimentichiate…

1 Comment

Filed under Libri & C.

One response to “Sulla memoria breve degli italiani

  1. martinamunzittu

    A proposito di memoria, poco tempo fa leggevo un articolo che diceva che siamo propensi a ricordarci le critiche che ci vengono rivolte, ma non i complimenti che ci fanno.

    Sembra che ci siano dei meccanismi che ci fanno ricordare la critica in questione, ce la fanno rigirare per la testa, rimbalzare e parafrasarla in tanti modi, che la fanno percepire ancora peggiore di quanto lo fosse.

    Mentre quando ci fanno un complimento, quello viene minimizzato o dimenticato subito.

    Mi ha fatto riflettere perche’ anche io tendo a fare lo stesso errore. Eppure non ha senso farlo🙂

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s