Obbedienza

Tratto da “101 storie zen”, Adelphi.

Le lezioni del maestro Bankei non erano frequentate solo dagli studenti di Zen ma anche da persone di ogni ceto e di ogni setta. Lui non citava i sutra nè si dilungava indissertazioni dottrinali. Al contrario, le parole gli uscivano direttamente dal cuore e raggiungevano il cuore di chi ascoltava.

Che lui avesse un pubblico tanto numeroso fece infuriare un prete della sette Nichiren, perché tutti i suoi seguaci lo avevano abbandonato per andare a sentire lo Zen. L’egocentrico prete Nichiren si recò al tempio, risoluto ad avere un contraddittorio con Bankei.

“Ehi, insegnante di Zen!” gridò. “Aspetta un momento. Chi ti rispetta obbedirà a quello che dici, ma un uomo come me non ti rispetta. puoi convincermi ad obbedirti?”

“Vieni qui accanto a me e te ne darò la prova” disse Bankei.

Con aria altera, il prete si fece largo in mezzo alla folla e si avvicinò all’insegnante. Bankei sorrise. “Vieni qui alla mia sinistra”.

Il prete obbedì.

“No,” disse Bankei “parleremo meglio se ti metti alla mia destra. Vieni da quest’altra parte”.

Con aria sprezzante il prete passò dall’altra parte.

“Come vedi,” osservò Bankei “tu mi stai obbedendo, e io trovo che sei veramente gentile. Ora siediti e ascolta”.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s