Ragionevoli dubbi, Gianrico Carofiglio

In una prospettiva di educazione alla scrittura, sono convinta di dover leggere un po’ di tutto e, se devo essere sincera, Carofiglio può insegnare qualcosina. Sempre che sia lui a scrivere questi libri… magistrato, senatore e pure scrittore? Ma se io, che sono solo mamma e impiegata stento a trovare mezz’ora al giorno per buttare giù due frasi in croce!

Cosa si può imparare da un libro così? Lo stile scorrevole. Cosa bisogna evitare di copiare? La mancata capacità di uscire da sé. Mi spiego:

1) La storia è ambientata a Bari, città dell’autore;

2) in prima persona, il che permette a Carofiglio di lasciarsi ogni tanto andare a modi di dire colloquiali col retrogusto di pigrizia;

3) nei tribunali, che sono il suo pane quotidiano, gergo incluso (pigrizia anche qui);

4) il protagonista è un magistrato aspirante scrittore, ruolo che è troppo autobiografico. È vero, scrivi di quello che sai… ma ogni tanto bisognerebbe aumentare il patrimonio di quello che si sa per scriverci sopra.

Niente altro da aggiungere.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s