La provincia addormentata, Michele Prisco

È un libro di racconti, e molti sono narrati dal punto di vista di una donna.

Non è facile che uno scrittore uomo colga gli stati d’animo femminili e li descriva rispecchiando la realtà. Prisco ci riesce. Il novanta percento delle volte. In questo novanta percento coglie le attenzioni e le sensibilità dell’altra metà del cielo. Tanto di cappello. Ma c’è quel dieci percento… mi permetto di riportare un caso in cui ha cannato: “Tra donne facilmente si giunge a questi momenti di intima intesa”. Le due donne sono due cognate; la più giovane ha appena confessato che c’è del tenero col marito della prima e ha sventagliato i suoi rimorsi e le sue paure. Prisco, qua sei fuori per fuori. Se c’è di mezzo un uomo, le donne diventano iene con le bave alla bocca, e se non si arriva agli insulti in pubblico e agli sfregi facciali, è solo perché… ecco, perché non sta bene. Tranquillo che dentro la cassa toracica di una donna tradita, la battaglia delle Termopili è solo un nebbioso esempio di quello che succede. Tu hai osservato degli atteggiamenti di complicità tra donne, è vero, li hai ben descritti, ma in questo caso li hai applicati alle circostanze sbagliate.

Per il resto, nonostante ogni racconto sia gonfio di nostalgia, solitudine e morti, promosso! E io, anche qui, ho solo da imparare.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s