The Piercing – John Coyne

imagePrima di comprare un libro, devo imparare a farmi due tipi di domande:

  1. come mai costa così poco? Ma soprattutto:
  2. se è un autore dei giorni nostri e se non ne ho mai sentito parlare, può essere un buon libro?

La storia: a una ragazzina, una montanara, vengono le stimmate (e il fatto che nel libro si senta il bisogno di spiegare cosa sono, mi fa tanto americano). Un prete cerca di capire se è santa o se è tutta una montatura. C’è un tipo inquietante che gira sempre attorno alla ragazzina e che le spiega le sacre scritture tutte al contrario. Alla fine, salta fuori che il tipo inquietante è il diavolo che si è impossessato di un corpo umano e che ha inscenato tutto quanto per prendersi l’anima del pretino.

Non è vero niente che questo romanzo appartiene alla stessa tradizione de L’esorcista, come è scritto sulla copertina. Più che con la paura, cerca di attirare i lettori con le scene di sesso, visto che il pretino si dà da fare prima con una sua ex alunna e poi con la presunta santa. E anche quando non si leggono scene di sesso spinto, il libro è comunque infarcito di nudità e tentativi di seduzione.

Romanzetto a parte, vedendo la copertina, mi è venuto un dubbio.

Perché le stimmate non dovrebbero comparire sul palmo delle mani.

Non ricordo dove l’ho letto, ma una persona crocifissa sulla croce non poteva star su se gli inchiodavano le mani all’altezza dei palmi: il chiodo doveva essere infisso più giù, vero il polso, altrimenti il peso del corpo avrebbe squarciato le mani (tra l’altro, così facendo gli tranciavano un nervo non-ricordo-come-si-chiama e ciò comportava dolori indicibili).

Sto divagando… insomma, valore del libro? Da leggere solo se dovete fare esercizio con l’inglese, visto che il livello non è molto alto.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Looking for Anne – Irene Gammel

image

If the majority of people in Italy is like me, almost nobody knows that Lucy Maud Montgomery was the author of Redheaded Anne. Yes, because in my country most people think that Readheaded Anne is the title of the work, while the true title is Anne of Green Gable. The worst thing is that we got this title from a Japanese cartoon/anime “Anna dai capelli rossi“, and not from a novel.

Therefore I was fascinated by the personality of this (here) unknown Canadian author.

Irene Gammel follows Maud’s life coupling it with the Birth of this novel: she tells us very few about the life she had before starting writing this story. We just know that Maud lost her mother when she was two years old and that her father had to leave her with her grandmother because needed to look for work throughout Canada and the United States.

As a result, she grew with this old relative, who was not really up-to-date with children management, in a cold Canadian Island, where she was almost enchained at home during the long and icy winters. She lived on books, magazines and writing and on the few occasions she had to get or pay visits to her kindred souls friends (almost female friends).

Maud Montgomery had a fundamentally shy character, but she Always felt tht writing  was her fate and she started dreaming about using writing as a way of life, despite grandmother McNeill intolerancy on these topics.

She manage to publish this novel, that let her become a Worldwide famous author, when she was 36 years old (still maid), and she did it not in Canada, but in Boston, after having received several rejections from other publishing houses.

Having known the story of Anne through a Japanese cartoon, I did not thought that the novel was filled with literary references to other classics, but Maud also used a lot of her life experiences (stealing from relatives and neighbours) and stories that she read in fashion magazines (for instance, the Young face that she took as inspiration for Anne’s faces, was the one of Evelynn Nesbitt, a famous model in those years).

In this book you also find several photos of Montgomery and his environment.

It is a pity that we Italians do not know all the history of this witty writer and I hope that this biography will soon be translated into our Language.

 

Leave a comment

Filed under Libri & C.

On aging and health – two books

image

I write about these two books together because they are rather similar: none of them is vegan, but both of them underline that you should keep low the intake of your meat and animal protheins; both of them focus on several tips, without deepening none of them.

As for the first one, Super Salute (= Super health): the author, Massimo Gualerzi, is a cardiologist, expert in cardiovascular illnesses, who founded a sort of medical gym in the city of Parma. But I must remind myself never to buy a book when its price is lower than 10 euros. First of all, because the cardiologist was not able to write the book alone, but he needed the help of Claudio Rinaldi, a journalist: in my opinion, if you want to write a book, you must strive to write it alone. Secondly, I do not like books about health when the include recipes. For God’s sake: give the information, deepen the topic, and then let people invent their own recipes following your suggestions, we do not need Accademia Barilla to give us recipes… but this is perhaps just my opinion and a myriad of ladies out there is willing to read and try them, nobody knows.

He suggests a sort of revised Zone diet and give other tips about stress, overweight, sleeping, salt, relaxing, exercise. I believe that none of these points says anything new to me, but in the last years I really read a lot of this sort of books, therefore if you are struggling with fat and diabetes, yes, do read this book, because this book is – for sure – better than a stop by McDonald.

The second book – Till 100 years old – is Filippo Ongaro’s, the first Italian to get the Board Certification in Medicine of Anti-Aging by American Board of Regenerative & Anti-Aging Medicine. He worked for European Space Agency (ESA) on nutrition and fisical preparation of space crews. I liked this book more than the first one, although it is also not deepening a single topic. It teached me, for instance, that aging is very linked to muscle mass. Moreover, albeit not vegan, he stresses that daily intake of vegetables should be around 400-500 gr and that we should count more on spices (and he prefers fish instead of meat, not far away from Dr. Berrino’s position).

Considering my last readings on oils, I do not fully agree with him when he says that extra virgin olive oil and avocado are not harmful at all. I believe that such a sentence could push people to exagerate with fats: yes, they are not dangerous like saturated and animal fats, but it is better not to take a glass of olive oil per day first thing in the morning, just because it it mono-saturated fat:-)

He then add some other information about willpower, nutrigenomic, exercise, character, habits, spirituality, but I felt less annoyed than the Gualerzi’s book, because I follow Ongaro’s blog and I maybe I think he is more inspiring in his assertions. Yes, maybe mine is just a subjective feeling…

After all, you know that I am a grumber and my final suggestion is always the same: please do read both ones and put them into practice. I am myself not 100% vegan, I allow myself some exceptions, and these two books’ tips are still better than a couch potato meat eater life!

 

Leave a comment

Filed under Libri & C.

On being an artist: two books by Julia Cameron

Julia Cameron

Julia Cameron

The Artist’s Way + The Right To Write: I bought these two books online, from an used bookstore in the USA, and to my surprise, even beyong ocean Readers like to make notes and underline sentences on the pages. Quite normal, you may think, but I was surprised in discovering this. Happily surprised, albeit I wonder who can be the person who hold “The Artist’s Way” in his hands before me; something tells me that it was a woman… anyway!

I must admit that the topic and the contents of these two essays are almost the same ones. Maybe the structure and the tips are slightly different, but the main issue is the same. Someone could claim that they are the same book in different words…

The tools she suggests to use are two: the morning pages and the artist’s date.

The first one pushes you to handwrite 3 pages first thing in the morning, no matter what, just write before the inner censor wakes up.

The second one asks you to reserve one date a week for your inner artist: it is up to you what to do. A cocnert, a museum, some CD music, a walk in the wood or a visit to a brook… you can choose. The important thing is that you love what you do, that you are alone and that this date feeds your curiosity.

The effect of these two tools, says Cameron, should be visible in few weeks.

One effect can be sincronicity: a significant coincidente (do you remember Jung?). This can have nothing to do with your artistic life, but it should show you the power of writing. I was strongly curios about this matter and throughout the web I found experiences about it, but nobody goes deep in the matter, they simply report coincidences. Of course, if you put your attention on a certain topic, you will find out a lot of coincidences: this is just consciousness. But will this change your life, as Cameron asserts?

In my opinion, although I noticed some sincronicities, I believe that the author stressed too much the aspect of magic.

Let’s simply name the thing as it is: attention. This is a powerful gun we often miss in our life, taken as we are by habits and complaints.

Attention, then, leads to action. And Action, yes, it can change your life.

Anyway, these two books are useful to help you cultivating and enhancing your attention, the first ring of the chain. Therefore they are welcome.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Un cappello pieno di ciliegie – Oriana Fallaci

image

Se invece di un maschio mi fosse nata una femmina, l’avrei chiamata Oriana. Questo proposito si era affievolito un po’ dopo aver letto la serie di libri contro l’Islam (posizione troppo estremista, secondo me), ma ora che mi sono bevuta questa saga, il proposito potrebbe rinnovarsi (potrebbe: ma non se ne parla di ricominciare con pannolini e pappette).

Il progetto del libro ha tenuto impegnata la Fallaci per anni: non mi meraviglio, viste le ricerche che sono state necessarie per raccogliere dati sui suoi antenati. I dati che non è riuscita a trovare, li ha integrati con la fantasia, e glielo perdoniamo, visto che uno dei suoi comandamenti era Mai Annoiare Il Lettore.

Ho trovato molto dolce la tecnica del fingere i ricordi in prima persona: la Fallaci spesso scrive infatti che si ricorda quando era questo o quell’avo e che ricorda come erano le strade e gli ambienti di quando viveva quella vita, quasi si trattasse di vari passaggi di reincarnazione, anche qua la religione non c’entra nulla. Parla di geni e cromosomi che si tramandano di generazione in generazione, di aspetti del carattere che ora lei ritrova in se stessa, dello stesso male che metterà fine alla sua esistenza.

Nel suo passato ci sono avi combattivi e remissivi, ma lei riesce a farceli sembrare tutti degni di nota, tutti interessanti, tutti con qualcosa da raccontare al mondo. E questo lo trovo consolante: anche la vita più insipida può diventare importante se vista con la lente della prospettiva, se considerata come l’anello di una catena che non sappiamo mai dove arriverà.

Ovvio che un po’ di curiosità nasca quando si legge dell’avo famoso, ricco, ma tanto famoso e tanto ricco, la cui identità lei non può rivelare perché l’ha promesso a sua nonna sul letto di morte. Non può essere Cavour perché era già morto quando sua nonna è stata generata; non può essere neanche il re, perché in un passaggio la Fallaci spiega che muore e nello stesso periodo muore anche il suo bisnonno (dunque sono due persone distinte, se non ha voluto farci uno scherzetto per sviare i sospetti). E’ qualcun altro. Ma non importa chi fosse, importa solo che non ha dato il nome e la famiglia alla nonna di Oriana, e che bisnonna, Anastasia, sia scappata nel Far West a fare quello che ha fatto.

Questo romanzo è incompiuto, non è riuscita ad andare al di là della morte di Anastasia ed è stato pubblicato solo perché l’autrice ha consegnato tutti i dattiloscritti (con tanto di note e post-it) al nipote che se ne è preso cura.

Non è un libro per tutti, so di gente che lo ha abbandonato perché ci sono molte parti dedicate alla storia, ma chi arriva alla fine ne esce arricchito. Non di  date e nozioni: bensì di un generale senso di calore, quel calore che la Fallaci ha regalato a tutti i suoi bisavoli e trisavoli salvandoli dall’oblio.

Leave a comment

Filed under Libri & C.

L’addio – Antonio Moresco

image

Sono 274 pagine di romanzo, io sono arrivata  a p.  160 e mi fermo qui.

La storia era intrigante: un poliziotto morto lascia la città dei morti perché c’è bisogno di far fuori un po’ di cattivi nella città dei vivi, dove è in atto una marea di omicidi, stupri, torture, compravendita e traffico di organi di bambini. Lo stile è quello del poliziesco americano: arriva, armato fino ai denti (gli arriverà pure un cannone) e li ammazza tutti. Ed è interessante anche come tutti questi cattivi si sentano legati tra loro, come gli facciano notare che è inutile uccidere questo o quello, perché ne arriveranno di nuovi, perché il Male è destinato a riprodursi.

Però alcuni dettagli non mi tornano. Perché tra le armi che si è fatto racimolare dall’amico poliziotto vivo, c’è una spada? Poi, i dialoghi: tutti parlano allo stesso modo, anche i bambini: frasi lunghe, vocaboli aulici… ci può stare per evocare l’atmosfera onirica quando sono i cattivi a parlare tutti nello stesso modo, visto che sono tutti legati tra loro, ma sentir parlare un bambino chiuso in un container in quel modo, non mi convince: voi lo sentite un bambino rinchiuso in un container che grida “perché mi hanno fatto nascere se dovevo morire così?”. Io no.

Poi: se il passaggio dalla città dei morti alla città dei vivi è così comune, perché poche pagine prima il protagonista si meraviglia di vedere uno stormo di uccelli che corre in direzione della città dei vivi? Non mi piace neanche che non si spieghi come si passa: si passa e basta, neanche il protagonista lo sa.

Ancora: non mi piace tutto questo nominare “piedini” e “manine”.

Al contrario, mi piace l’idea della ricerca delle origini del Male, e il considerare tutti gli assassini e stupratori e torturatori come arti di un unico corpo che si riproduce ogni volta che ne tagli un pezzo.

Lettura sospesa dunque, ma se volete dirmi come va a finire, vi ringrazio di risparmiarmi il tempo di riprenderla fra quattro o cinque mesi…

Leave a comment

Filed under Libri & C.

Qualcosa di vero – Barbara Fiorio

image

Giulia, una donna in carriera, si ritrova quasi ogni sera a raccontare favole alla figlia della vicina. La bimba, Rebecca, ha quasi nove anni. Solo che le fiabe non sono quelle che sconosciamo noi, slavate e potate di tutte le violenze raccontate nelle versioni originali: Giulia ha il coraggio di raccontare alla bimba le storie vere, dunque se le principesse sono stupidotte e i principi ancor di più, lo dice. Se le storie finiscono male perché un bambino muore, lo dice. Se vengono fatti a pezzi personaggi e Biancaneve vomita un pezzo di mela anziché venir risvegliata da un bacio, lo dice.

La cosa però non tarda a venir pubblicizzata a scuola dalla stessa Giulia che si è appena trasferita e ha scoperto un bel modo per farsi degli amici. Poi la narrazione si allarga a una mamma in fuga dal marito manesco e al collega di Giulia che ci prova ma non si capisce.

Commento: i bambini non sono mica così. Le descrizioni dei compagni di classe di Giulia secondo me sono troppo ingenue: non ce li vedo bambini di otto, nove anni a raccogliersi attorno a una loro coetanea perché racconta le favole vere. Mio figlio ha quasi otto anni, vedo i suoi amici, e continuo a dirmi che questi qui non lo farebbero mai. Secondo me purtroppo si sta già perdendo il senso del racconto: i bambini sono tutti presi da App e TV. Mio figlio adora “Hansel e Gretel cacciatori di streghe” e gli è piaciuto anche il film sulla vera Biancaneve, ma una cosa è vederli al cinema, un’altra cosa è farseli raccontare da una coetanea.

Altra faccenda poco probabile: la Gilda del Cerchietto, cioè il gruppo di bambine che prende di mira Rebecca. I bambini, quelli veri, non si schierano così. C’è qualcosa che non mi torna in queste ragazzine perfettine che vanno in giro per la scuola in cerca di ammiratori.

Anche la mamma di Rebecca è una plasticcona: parla poco e, per quanto esaurita dalla recente fuga dal marito, non trovo verosimile il comportamento che tiene nei confronti di Giulia quando scopre che ha raccontato le favole vere alla figlia, anche se è reduce da un incontro con la preside per colpa di queste storie. E’ il personaggio meno riuscito del romanzo.

Infine, lo stile. Il romanzo inizia con una lingua molto, molto ironica, sfacciatamente simpatica, sembra quasi spasimare per ammirazione; e ammetto che questa fantasia verbale (le battute, le similitudini, le metafore…) sono ben ingegnate, anche se alla lunga stancano. In realtà, non fanno in tempo a stancare perché da circa metà romanzo, non ce ne sono quasi più. Come se ci fosse stata una cesura. Mi si dirà: il cambio di registro è dovuto all’evolversi della storia, abbiamo una donna maltrattata dal marito, non si può far tanto i simpatici. Però il cambio di registro inizia prima, come se si fosse esaurita la spinta iniziale e ci si concentrasse ora più sulla fabula che sullo stile.

Barbara Fiorio conosce sì bene le fiabe, e di ciò gliene siamo grati, ma questo romanzo non finirà nella lista dei miei preferiti. La storia fila, ci sta, ma non mi convince del tutto.

Leave a comment

Filed under Libri & C.